Descrizione del gioco

scatola
Produttore: Tommaso Bonetti
Autore: Tommaso Bonetti
Illustratore: Dario Quadri
Traduttore: Aureliè Andrè, Verena Richter, Tommaso Bonetti
Lingue: Francese, Tedesco , Italiano, Inglese.
Tipo di gioco: Giochi di carte
Giocatori: 3 – 9
Durata media: 20-40 minuti
Difficoltà: Immediato (chiunque)
Ambientazione: Concerto Rock
Meccaniche: Bluff, Piazzamento

Introduzione
Ready to Rock è il primo party game ambientato in un concerto. In questo gioco l’obiettivo di tutti i giocatori, i rockers, è quello di arrivare per primi sotto il palco.
Ciò che colpisce subito di Ready to Rock è l’ambientazione, tutti siamo stati ad un concerto e facilmente riusciamo ad immedesimarci nei rocker sfegatati che fanno di tutto per arrivare il più possibile vicino alle rock star che stanno suonando. Per aumentare al massimo la sensazione di realtà, sulle carte, sono spesso utilizzate le fotografie prese da veri concerti. Le pedine, poi, sono ovviamente dei plettri!

Meccanismo del gioco
Ready to Rock è un gioco di carte puro ma ha in più nel suo funzionamento anche una meccanica tipica dei giochi di piazzamento. Il pubblico, infatti, si compone mano a mano che i Rockers giocano le loro “carte percorso”. Queste carte raffigurano il pubblico con differenti sbocchi per avanzare. Ad ogni partita, quindi, i giocatori arriveranno al palco con percorsi differenti.
Oltre ad avanzare nel concerto ogni rockers deve preoccuparsi anche di ostacolare gli altri nel loro procedere, per farlo oltre a poterli spingere indietro con delle carte speciali, può bloccargli la strada con delle “carte muro”, cosa sono questi ostacoli? Ovviamente il Pogo e gli Headbangers! Un Rocker bloccato non deve disperarsi, infatti, può sempre cambiare la direzione della folla per aprirsi varchi in altre direzioni. In più, se ha un Body Surfing, può scavalcare l’ostacolo e ricominciare la corsa verso il palco!

Ma come funziona esattamente?
Ogni Rockers pesca quattro carte iniziali e ne pesca sempre una a turno. In ogni turno se ne possono giocare al massimo due di qualsiasi tipo. Le carte sono di tre tipi, le “carte percorso” e i “muri”, che abbiamo già illustrato, e gli istantanei. Quest’ultimi sono bonus per se stessi (Beer fa pescare due carte, Flashing Tits permette di giocare tre carte in un turno) o malus per gli altri (Ear Plug fa saltare un turno mentre Smashed Beer fa scartare due carte). Un istantaneo speciale è la carta Ready to Rock che attiva casualmente una delle carta palco che sono bonus o malus per tutti i Rockers: se si attiva Special Guest tutti pescheranno una carta, mentre ne perderanno una con Shitty Weather, Fire Explosion, ad esempio, porta scompiglio nel concerto facendo ruotare di 180° tutte le carte percorso.

Commento
Ready to Rock è un gioco con un’ambientazione reale unica, facile da apprendere ma dove per vincere la partita è fondamentale una buona strategia. Non è un gioco adatto ai bambini per alcune carte non proprio morigerate: in Lots of Beer un ragazzo beve due birre contemporaneamente e in Flashing Tits una ragazza fa vedere le tette a tutto lo stadio. È perfetto però dai 14 anni in su!
La brevità delle partite (20-40 min) e l’alto numero di partecipanti possibili (fino a 9), collocano questo titolo sia nella categoria dei “filler” che in quella dei “party game” e, considerando in particolare l’ottimo rapporto qualità/prezzo, non si può che consigliarne l’acquisto. Lunga vita al Rock!

Pregi
1- Se giocato in tanti e con lo spirito giusto Ready to Rock è davvero molto divertente.
2- Il costo è veramente irrisorio (Online, comprese spese di spedizione, si trova anche a 19 Euro).
3- Semplicissimo da spiegare e da imparare.
4- Buona la qualità delle carte e delle illustrazioni.

Difetti
1- I concerti Rock non sono una tematica adatta alle famiglie, quindi è meglio non usarlo dopo il pranzo di Natale con la nonna.
2- Le partite migliori sono generalmente quelle che in cui si gioca da 5 in su.